IPOTIROIDISMO: OUTCOME CLINICO DOPO SOSPENSIONE DELLA TERAPIA SOSTITUTIVA

3 Commenti

Introduzione
La terapia con ormoni tiroidei è ampiamente utilizzata nella pratica clinica, sia nella terapia dell’ipotiroidismo che, in casi selezionati, nel trattamento TSH-soppressivo della patologia nodulare della tiroide. Si stima che negli USA la levotiroxina (LT4) sia il secondo farmaco più prescritto (1) e il fattore che maggiormente contribuisce al suo ampio uso è il trattamento dell’ipotiroidismo subclinico.
L’
ipotiroidismo subclinico è una condizione che interessa circa il 10% della popolazione generale in età adulta (2). Non vi sono evidenze univoche riguardanti i benefici del trattamento dell’ipotiroidismo subclinico. Se, da una parte, alcuni studi osservazionali hanno documentato un incremento del rischio di mortalitànell’ipotiroidismo subclinico non trattato, questo dato non è stato confermato da studi clinici randomizzati, soprattutto nella popolazione con età > 65 anni (3). Inoltre, va considerato il rischio di tireotossicosi iatrogena, soprattutto nella popolazione anziana, con conseguente aumento del rischio di aritmie, angina pectoris, osteoporosi e fratture (4).

Registrati per leggere il seguito...

ASPETTATIVA DI VITA DOPO CHIRURGIA BARIATRICA: UNO SVANTAGGIO (IR)RECUPERABILE?

2 Commenti

Inquadramento del problema

L’obesità determina aumento della mortalità, con riduzione dell’aspettativa di vita fino a 20 anni in alcuni studi (1). La chirurgia bariatrica, al momento, è la terapia più efficace e duratura per l’obesità grave. Uno studio svedese con follow-up di 10.9 anni descriveva una riduzione di mortalità del 29% nei pazienti sottoposti a chirurgia bariatrica rispetto a pazienti di pari caratteristiche non operati (2). Recenti evidenze, tuttavia, mostrano che, rispetto a soggetti sani non obesi, nei pazienti affetti da obesità grave persiste un aumento di mortalità anche dopo il calo ponderale ottenuto con la chirurgia bariatrica (3). Un recente studio (4) affronta nel dettaglio questa tematica: l’attesa di vita di pazienti affetti da obesità grave sottoposti a chirurgia bariatrica rispetto a un gruppo di pazienti di pari caratteristiche trattati con terapia standard e a un gruppo di soggetti non obesi tratto dalla popolazione generale.

Registrati per leggere il seguito...